Lipofilling

Lipofilling (Autotrapianto di grasso)

Il lipofilling è una moderna metodica che rappresenta il passo più importante verso la Medicina Rigenerativa. La tecnica prevede l’iniezione di grasso autologo (auto trapianto di grasso), per il riempimento di aree corporee.
Il grasso viene prelevato con delle micro cannule e successivamente innestato per ricreare volume in depressioni del nostro corpo. Il grasso a seconda delle tecniche utilizzate viene centrifugato o lasciato decantare, e successivamente infiltrato nelle aree corporee che si desidera riempire.

Quali zone possono essere trattate?

Il riempimento può interessare qualunque zona del viso: zigomi, mento, labbra, solchi nasogenieni, guancia ecc., così come altre zone corporali per la correzione di difetti traumatici come cicatrici ipotrofiche o perdite di sostanza di varia natura.

Trova valido impiego come tecnica coadiuvante nella liposuzione. Il grasso è usato sempre con più frequenza per l’aumento di polpacci, glutei e mammelle.

 

 

Quanto tempo rimane il grasso?

Il grasso impiantato tende in percentuale a riassorbirsi ma se la tecnica è correttamente realizzata non è certo che ciò avvenga completamente. Con il trapianto inoltre trasliamo un certo quantitativo di cellule staminali nella zona interessata.

Le cellule staminali multipotenti presenti all’interno del grasso aspirato sono infatti ottimali per la rigenerazione dei tessuti.

 

Esiste la possibilità del rigetto del proprio grasso?

La possibilità di rigetto per un tessuto o un organo prelevato dallo stesso individuo (tessuto autologo) non esiste in natura. Pertanto il grasso autologo viene oggi giorno considerato il riempitivo (il Filler) più sicuro nelle pratica chirurgica.

La ripetibilità della procedura e la semplicità nell’esecuzione della tecnica permettono inoltre la possibilità di ripetuti trattamenti che possono essere programmati in modo seriato.

 

Quale sarà il decorso post operatorio?

Bisogna sempre tener presente il numero e la localizzazione delle zone interessate all’intervento.

I pazienti che hanno effettuato il trattamento di piccole aree hanno ovviamente una ripresa più rapida potranno riprendere la normale attività lavorativa entro 24 ore.

Se il trattamento interessa aree più estese bisogna considerare due-tre giorni di riposo. I punti saranno rimossi entro sette giorni. Sono da preservare dall’esposizione solare e alle lampade solari le zone interessate all’innesto per un periodo di almeno quattro settimane.

 

Quali sono le applicazioni in Cliniche?

La tecnica si rivolge non solo alla Chirurgia Plastica Ricostruttiva ma anche all’Estetica. Originariamente ideata per riempire gli avvallamenti e per correggere le irregolarità del contorno corporeo, la metodica si è rivelata molto efficace nel migliorare non solo la pigmentazione della cute, la sua qualità e morbidezza, ma anche per risolvere situazioni patologiche come danni da radiazione, atrofia da steroidi, ustioni, cicatrici, ecc.

Benché il meccanismo d’azione sia tuttora oggetto di ricerca, è presumibile che questi risultati siano prodotti dalle cellule staminali presenti nel grasso re-iniettato. Numerosi centri in tutto il mondo stanno svolgendo ricerche in questo campo.

In campo Estetico il suo utilizzo è rivolto al riempimento dei solchi e delle rughe del volto, all’aumento degli zigomi, all’aumento dei glutei, dei polpacci, del seno, ecc.

 

Quale è la sintomatologia nei giorni successivi all’intervento?

Temporaneo indolenzimento, ecchimosi e gonfiore che scompaiono dopo qualche settimana. Il recupero completo da gonfiore ed ecchimosi varia da 2 a 3 settimane.

 

Ho bisogno di esami speciali prima dell’intervento?

Sono richiesti solo un esame del sangue ed un elettrocardiogramma che il medico prescriverà al momento della prima visita. Eventuali esami aggiuntivi potrebbero essere valutati dal suo medico al momento del consulto.

 

Quando posso riprendere la normale attività sportiva?

I pazienti possono riprendere l’esercizio all’attività sportiva dopo 2 settimane.